Scanzo-Anderlini Modena 3-0 (25-22 28-26 25-23)

Scanzo: Gerosa, L. Bonetti 12, Bonola 7, Corti 13, Costa 6, Valsecchi 2, Procopio (L), Riva 8, J.Parma, Viti (L), Cogliati. Non entrati: Cassina, M. Parma. All. Monti
Anderlini Modena: Mocelli 4, Bombardi 9. Andreoli 11, Cassandra 10, Di Bernardo 9, Astolfi 3, Pieroni (L), Golinelli (L), Trianni 1, Bigarelli 5, Giuriati, M. Bonetti. All. Bicego
Note – durata set: 29’, 34’, 33’. Battute sbagliate: Scanzo 7 Anderlini 13. Battute punto: Scanzo 6 Anderlini 3. Muri: Scanzo 10 Anderlini 9.

Grinta, carattere, nervi saldi e … panchina. Lo Scanzo salda il primo conto in sospeso e lo fa senza lasciare un set ad un’Anderlini che all’andata si era imposta 3-1. Tre set tirati, con continui capovolgimenti ed una discreta espressione qualitativa, conferma che i giallorossi stanno iniziando a raccogliere quel che seminano nel corso della settimana. Uno su tutti un ritrovato Matteo Riva, entrato per Costa a metà del secondo periodo e poi risultato decisivo far pendere dalla metà campo bergamasca l’ago della bilancia. Non solo per l’ace con cui ha timbrato il 28-26 per il doppio vantaggio, ma anche per un buonissimo apporto offensivo con 8 palloni a terra. Ancora positivi sia Corti (top scorer con 13 punti) che Bonetti (eletto MVP con 12) espressioni di un complesso che pare aver imboccato la via giusta nonostante ancora qualche calo sul piano del ritmo. Nel primo periodo la discriminante è la correlazione tra muro e difesa visto che i modenesi sbattono per ben 7 volte contro la saracinesca dei padroni di casa. In particolare con Corti sia per il 12-12 (da 7-11) che per il 17-15 e con Bonetti per il 21-19. Un break decisivo conservato proprio grazie all’ultimo attacco dello schiacciatore. Lo Scanzo ricomincia con il piglio giusto poi di distrae e subisce uno 0-5 (12-8 a 12-13) che si trasforma addirittura in un -4 (15-19). Momento in cui Gerosa e compagni restano in gara, soprattutto con la testa e rientrano a 22 con un nuovo block (a uno) di Corti. Poi ci vogliono ben quattro opportunità (compreso un set-ball annullato sul 24-25 da 24-22) per fissare il 2-0 con il già menzionato servizio vincente di Riva. Nonostante ciò la sofferenza resta prassi, anche quando se ne farebbe volentieri a meno. Come nel terzo parziale quando i ragazzi di Monti guidano agevolmente con il + 4 nelle corde (12-8) e poi si fanno agguantare a 17 (Bonetti out) e a 21 (fermato Riva) senza mai essere stati sotto. Sulla linea del traguardo Di Bernardo sbaglia, Bonetti no e lo Scanzo ringrazia. Emiliani staccati, ora Concorezzo secondo è a + 3 mentre Ongina, nuova capolista, resta a + 4.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...