Mantova-Scanzo 3-0 (25-14 25-18 25-16)

Gabbano Mantova: Sasdelli 4, Cordani 20, Giglioli 7, Peslac 10, Gola 7, Bussolari 8, Trentin (L). Non entrati: Pedroni, Amouah, Artoni, Resta, Squarzoni, Lorenzi, Viviani. All. Guaresi
Scanzo: Gerosa 2, Riva 2, Bonola 4, Corti 5, Costa 9, Valsecchi 7, Procopio (L), Bonetti. Non entrati: Cogliati, M. Parma, J. Parma, Cassina, Viti. All. Zanchi
Note – durata set: 20’, 24’, 23’. Battute sbagliate: Mantova 13 Scanzo 8. Battute punto: Mantova 11 Scanzo 2. Muri: Mantova 7 Scanzo 6.

Dal Black Friday al Black Saturday il passo è brevissimo. Specie se lo Scanzo resta a casa e viene asfaltato, annientato, umiliato a Mantova. Come non bastassero gli ultimi due cazzotti in pieno volto rimediati a Modena ma neppure il brutto finale dello scorso anno con lo stesso avversario, si riesce addirittura nell’impresa di peggiorare. Nel punteggio, nei bagliori (totalmente assenti) e nell’atteggiamento che definire incomprensibile o avvilente sembra quasi d’abbondare in generosità. Con Anderlini e con Modena quantomeno il secondo set di rabbia c’era stato, nel campionato scorso – sullo stesso campo virgiliano – era rimasto almeno un punto in saccoccia. Stavolta no, zero al quoto e zero in tutto. Nel primo periodo il corto circuito comincia dall’effimero vantaggio 8-9 (ace di Gerosa) immediatamente annullato da un 5-0 corroborato da due servizi vincenti e da una ricezione che comincia a dare subito segnali di cedimento. I padroni di casa martellano dai 9 metri (7 ace, 12 in totale) e i nostri si liquefano. Si ricomincia con Bonetti per Riva, il primo muro giallorosso arriva per il 2-4 (CostaValsecchi, i soli a salvarsi dal naufragio), il Gabbiano non si scompone e strappa 4-0 dalla parità a 8. Poi, già in fiducia totale, muro-difesa da manuale e 2-0 come bere un bicchier d’acqua. In posto 4 riecco Riva, a non rientrare in campo sono i bergamaschi totalmente sgretolati da Cordani (20 palloni a terra, 58%), apice di un collettivo spietato che chiude con il 57% in attacco. L’unico sussulto del terzo set (svantaggio ridotto a 11-9), per dare una dimensione, viene soffocato da un 9-3 che la dice lunga sul divario. Ulteriormente immortalato dal raggelante – 9 in classifica, distanza che non fa una grinza da un antagonista di gran livello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...