Play-off un obiettivo che sembrava un miraggio adesso è tutto da giocare. E, soprattutto, da vivere. Sabato alle 21 Scanzo, in gara 1 di semifinale, se la vedrà al PalaDespe con Caronno. Nella sfida tra le seconde, rispettivamente dei gironi B ed A (62 punti contro 56), dall’altra parte della rete ci saranno gli ultimi finalisti della Coppa Italia di categoria, formazione assai temibile che fa della solidità del collettivo la sua arma per eccellenza vantando al contempo individualità di tutto rispetto. Una su tutte Mario Canzanella, schiacciatore classe 1981, che vanta lunga esperienza anche nel campionato di serie A2 con le maglie di Napoli, Corigliano, Crema e Verona. Ma per i bergamaschi, caricati dalla rocambolesca qualificazione, la possibilità di disputare tra le “mura amiche”, violate soltanto da Brugherio, anche l’eventuale “bella”, dettaglio non da poco.

Specie perché in match simili anche una sfumatura può fare la differenza, come sottolinea il laterale Lorenzo Bonetti: “Comincia un altro campionato – dice -, in cui bisogna dare tutto in pochissimo tempo. Siamo pronti, il morale è alto e dovremo essere abili a sfruttare il fattore-campo. Ora contano i tre set, non più i punti perciò non bisognerà mai mollare anche se dovessimo trovarci sotto. Servirà tranquillità e saper mettere in campo la nostra migliore pallavolo di fronte ad un pubblico al quale chiediamo un altro grandissimo sostegno. Vedere il palazzetto pieno come nelle ultime occasioni galvanizza e vogliamo un tifo ancor più caldo”. Un passo indietro, nelle pieghe di un percorso culminato con il pass per il post-season: “Si pensava che Brugherio fosse stato l’epilogo – ammette Bonetti – perché non ci si attendeva lo stop di Trento a Concorezzo invece stavolta siamo stati bravi a battere Vittorio Veneto e a guadagnarci il pizzico di fortuna. E, dopo un’annata decisamente travagliata, lo abbiamo meritato perché siamo sempre rimasti davanti perdendo una sola partita a Scanzo, pur peccando in qualche situazione in trasferta. Ora dovremo evitare proprio quelle piccole amnesie che talvolta abbiamo pagato a caro prezzo”.

Coach Mario Marchesi si prepara a schierare Gerosa in palleggio, Corti in posto 2, Bonetti e Riva in 4 con Viti e Gherardi che si alterneranno nel ruolo di libero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...